Le pagelle del Giro d'Italia!

Le pagelle UVIS del Giro d'Italia

Salvatore Esposito 8
Una vittoria incredibile a Bagni di Lucca e tanta buona volontà. Un giovane che dimostra di avere stoffa.

Luca Heldram 9
Fare meglio di così sarebbe stato difficile. Una vittoria di tappa ed un podio fortemente inseguito che conferma il talento del corridore sardo. Solido.

Paolo Bitta 5,5
E' l'ombra di se stesso il corridore friulano, che mai trova lo spunto giusto al momento giusto. Rimandato.

Marco Ranzani 9,5
Forse mai così in forma il Campione Italiano in carica che si concede il lusso di battere fior di velocisti sul loro terreno. Incontenibile.

Alessandro Rubens e Paolo Bistrita 6,5
Una sola vittoria di tappa non basta ai due big delle ruote veloci per ritenersi soddisfatti, anche se è comunque importante lasciare il segno.

Stefano Belisari 4,5
Mai competitivo in questo Giro lo scalatore trentino che si scioglie come neve al sole appena la strada comincia a salire. Demotivante.

Robert Williams 7
Un bel prologo ma poco altro da parte del britannico che buca l'appuntamento con la cronometro di Posillipo ed in salita non incide mai. Lo vedremo davvero più competitivo al Tour?

Tommaso Conforti 6,5
Cresce piano piano il talento toscano che piazza un paio di piazzamenti in top ten dimostrando di essere vicino al definitivo salto di qualità.

Tommaso De Marchin 7
Il lavoro in appoggio ad Andy Scheck è encomiabile, lo attendiamo alla riprova da capitano.

Giacomo Marquetz 6 di incoraggiamento
Al suo primo Giro d'Italia fatica tantissimo ma riesce ad arrivare a Milano. Stoico.

Riccardo Zucchi 9
Dopo in inizio tremendo a causa di una caduta si riprende e vince ben tre tappe, comprese le due crono, oltre alla classifica di miglior scalatore, dimostrando una tenuta mentale incredibile. Maglia rosa mancata.

Danilo De Luca 7
Ci prova fino all'ultimo ma quest'anno la gamba non lo aiuta e lo costringe addirittura giù dal podio. Ci riproverà?

Adriano Pillon, Alexis Sanchez, Mark Tremonti 6
Lavorano nell'ombra il più possibile finchè la gamba regge. Giovani gregari crescono.